Menu Chiudi

Amore o follia? -8-

Alessia era tornata a casa felice da non riuscire a stare nella pelle. Visto come aveva trascorso l’incontro era convinta che Samuele avesse deciso di rimettersi con lei prima ancora di reincontrarla.

Ora doveva essere lei a non commettere più l’errore di dare per scontata la sua presenza e trascurarlo. Avrebbe fatto tutto quello che le avesse chiesto per tenerlo al suo fianco, non voleva assolutamente deluderlo un’altra volta.

Era tornata a casa e per tutto il tempo era stata come in fibrillazione. Aveva passato il pomeriggio al telefono con la sua più cara amica che non riusciva a credere che lei, Alessia, si fosse tolta le mutande nel bel mezzo di un parco. Aveva dovuto ammetterlo. Era stata un’esperienza imbarazzante e vergognosa, ma anche estremamente eccitante. Se l’avesse rifatto? Se solo Samuele glielo avesse chiesto…

Non aveva apprezzato che Eleonora, la sua amica, avesse dato del meschino (e usato altri appellattivi meno cortesi) a Samuele come clausola per tornare insieme.

Si era poi chiusa in bagno e si era curata nei minimi dettagli. Voleva essere perfetta per quella cena, senza nemmeno il minimo dettaglio fuori posto.

Aveva atteso con trepidazione il momento in cui Samuele aveva annunciato il suo arrivo con un messaggio su whatsapp.

– Scendo tra un momento. –

Gli aveva risposto dopo un paio di minuti ma, per quanto fosse già pronta, lo fece aspettare. Si guardò allo specchio.

Camicetta nera sfiancata con le maniche a tre quarti, allacciata quel tanto che bastava a mettere in mostra l’inizio della curva dei seni. Visto com’era andato il loro incontro quella mattina era pronta a scommettere che Samu gli avrebbe chiesto di slacciarne un altro. E l’avrebbe fatto, non vedeva l’ora di farlo, ma voleva che fosse lui a chiederglielo. gonna nera, liscia, chiusa da una cerniera spostata sulla gamba che poteva essere aperta in tutte e due i sensi, così da poter creare, se desiderato, lo spacco. Le piaceva portarla un poco aperta dalla parte bassa, ma se lo avesse fatto si sarebbe visto l’orlo delle autoreggenti e si vergognava troppo per farlo. Aveva scelto delle calze scure a pois neri e un paio di scarpe con il tacco dallo stile un po’ retrò. Aveva indossato un reggiseno a balconcino e un perizoma nero. Aveva già perso un paio di mutande quel giorno e, temendo che anche queste avrebbero fatto una fine simile, aveva deciso, per quanto a malincuore, di un indossare qualcosa a cui non fosse particolarmente legata. Si era data un poco di trucco, non troppo, perché a lui non piaceva truccata, e si era legata i capelli.

Aveva fatto la lingua all’Alessia nello specchio e aveva mandato il selfie alla sua amica.

 – Mamma mia, sei una bomba! –

Le aveva risposto con un bacio ed era scesa dopo aver messo il telefono in modalità silenziosa e averlo infilato in borsa.

Samuele la stava aspettando giocando al telefono e, non appena la vide, rimase di sasso. Notare come la stava guardando le fece tremare il cuore e fu una ricompensa degna per l’impegno che ci aveva messo a curarsi. Samuele indossava un paio di Jeans curati e una camicia bordeaux, il suo colore preferito.

“Buonasera signorina, che eleganza!”

Alessia sentì le guance arrossire e vedere come lui la stesse mangiando con gli occhi le provocò un brivido che le strisciò fino all’intimità. Lo raggiunse, gli posò una mano sul petto e lo guardò con gli occhi pieni d’amore.

“Ti piaccio? Vado bene vestita così?”

Samuele l’abbracciò.

“Se mi piaci? Sei un vero schianto!”

“Davvero?”

Samuele si fece buio in volto.

“Assolutamente sì. Avevo in mente di portarti in un certo posto, ma ora temo di dove cambiare programma…”

“Oddio.. ho fatto qualcosa di sbagliato?”

“Non so… è che sei così… bella… che dovrò passare la serata a cavare gli occhi a tutti quelli che si gireranno a guardarti. E so già che non saranno pochi.”

Era geloso! Il cuore di Alessia esultò! Una dichiarazione simile non poteva essere altro che sinonimo di gelosia. Voleva dire che ci teneva a lei!

Non riuscì a trattenersi, doveva trovare il modo di sfogare la gioia che le riempiva lo spirito. Si fece avanti e lo baciò. Fu un bacio intenso e pieno di passione.

“Forza, saliamo in auto o finisce che ti prendo qui dove siamo e a cena non ci andiamo.”

La verità è che ad Alessia non sarebbe dispiaciuto affatto. Aveva voglia di Samuele, dei suoi baci, delle sue carezze, del suo corpo.

Samuele la fece salire aprendole lo sportello, girò attorno all’auto e salì a sua volta. Esistava a partire.

“Che c’è amore?”

La guardò.

“Oggi hai detto che sei disposta a giocare con me?”

“Beh, finché non mi metti in pericolo, sì.”

“Non lo farei mai” disse prima di allungarsi per aprire il cassettino porta oggetti e tirar fuori una scatolina. La aprì e ne trasse fuori un oggetto strano, di colore viola. Una specie di ovetto, con una protuberanza sottile che si allungava di pochi centimetri. Lo guardò senza capire. Samuele la stava guardando con gli occhi che brillavano.

“E questo?”

“Devi indossarlo.”

Alessia capì. Un vibratore wireless.

Continuano le scelte:

Alessia rimane di sasso a osservare il giocattolo prima di decidere cosa fare.
1)Anche se esita, accetta e lo indossa.
2)Vorrebbe indossarlo, ma pensa che per la cena sia troppo e chiede di poterlo indossare dopo. Samuele non ne è contento..
3)Si rifiuta di indossarlo, ma Samuele la capisce, anche se ci resta male.

18650cookie-checkAmore o follia? -8-

Nella stessa categoria:

avatar
1 Commenti
8 Risposte
2 Followers
 
Commenti con più reazioni
Commenti più gettonati
2 Numero di commentatori
inceptionMr.Goodbye Commentatori recenti
  Segui questa discussione  
più recenti più vecchi più votati
Inviami una notifica quando
inception
Moderatore
inception

Bhe, 1… 😆 tutta la vita!