Menu Chiudi

Amore clandestino -3-

Come sempre si erano incontrati al centro commerciale. Sotto gli occhi di tutti. Lei non aveva mai capito il perché di questo rituale.
“Siamo qui, davanti a tutti, non stiamo facendo nulla di male.”
Aveva pensato che fosse un modo per mascherare il loro rapporto proibito e clandestino.
Poi, però, uscivano insieme e, sempre insieme, se ne andavano. E da dimostrazione di innocenza si trasformava in sfida, ostentanzione. Lui non le aveva mai detto il perché di quella scelta. Era così e basta. E lei l’aveva accettato, in silenzio, come parte di quel rituale magico in cui usciva dalla sua vita, ormai diventata noiosa e stretta, e si immergeva in quel momento quasi irreale.
Un rituale che viveva con una miscela infuocata di emozioni. Ansia, paura, eccitazione, trepidazione. Tutto il suo essere vibrava in quei momenti che la separavano da lui. Aveva paura di essere vista, di essere scoperta, che il loro segreto divenisse pubblico. Al tempo stesso questo sottile gioco la eccitava. Il fascino del proibito e del rischio esercitava sulla sua anima una pressione che non aveva mai conosciuta prima e che le impediva di smettere di sorridere. E che si rifletteva anche sul suo sesso, costantemente umido.
Fino al momento in cui arrivava lui e le donava la pace. Sì, la pace. Era incredibile la pace che riusciva a ritrovare non appena lo sentiva vicino. Se c’era lui lei si sentiva capace di affrontare l’inferno con assoluta calma e freddezza. Le era sufficiente la consapevolezza che, da lì a poco, si sarebbe donata a lui. In una modo così completo e profondo che non era mai successo con suo marito.
Respirò a fondo per cercare di calmare il cuore. Il suo sguardo scivolava distrattamente sull vetrina davanti a sé mentre i led cambivavano pigramente colore.
Era sempre lei ad arrivare prima. Era un altro ingrediente del loro rituale. Arrivava e iniziava a guardare i negozi.
“Perché?”, gli aveva chiesto un notte, dopo l’amplesso, ancora su di lui, sui sedili dell’auto. Già… era tornata a fare l’amore in auto, come quando era ragazza.
“Perché sei bella.”
Lui le aveva dato un bacio leggero, proprio sulla punta del naso, e l’aveva stretta a sé così forte prima di continuare.
“Sei bella e voglio guardati. Voglio ammirarti. E quando sono sazio delle tue forme e dei tuoi movimenti…”
Si era fermato, senza che lei capisse perché.
“No… non è vero. Non sarò mai sazio di te.”
Era stata lei ad allungare il collo e baciarlo. Nulla di casto o innocente. Aveva dischiuso le labbra morbide e aveva lasciato che la lingua, quasi animata di vita propria, scivolasse nella bocca di lui. Lo voleva. Di nuovo. E ancora. Senza mai rinunciarvi.
Era salita a cavalcioni su di lui e, nel momento in cui l’aveva sentito scivolare dentro di lei, si era sentita piena, completa. Non le serviva altro. Quell’istante, quel gesto così… fisico e carnale… proiettava la sua anima nel più completo e totale appagamento, trasformando quell’atto in qualcosa di trascendentale.
“Non potrò mai essere sazio di te.”
Aveva iniziato a muovere le mani sul suo corpo, esplorandone ogni curva, ogni centimetro, come se non l’avesse mai fatto e regalandole, con ogni carezza, brividi che la toccavano nel profondo.
“Sei meravigliosa. Voglio che tutti ti vedano.”
Ad ogni parola lei si era alzata e si era lasciata scivolare su di lui. Non poteva nemmeno pensare di smettere tanto era intenso e forte quello che stava provando.
“Voglio che tutti… sappiano… che sei mia… la mia fortuna più grande…”
I movimenti erano rallentati. Lei non sapeva che dire, che pensare. Quelle parole le facevano paura, ma al tempo stesso la lusongavano e la facevano sentire più che bella.
“Voglio che ti ammirino…”
Si era unito ai suoi movimenti, accompagnandoli e accentuandoli.
“Voglio che vedano la tua bellezza sublime… che ne siano affascinati…”
Gli aveva posato le mani sul petto e spostato il peso indietro. Lo voleva per sé, solo per sé, nel modo più assoluto, totale e completo. Spinse il bacino contro di lui. In quel momento sentì le sue dita accarezzarla le labbra, delicatamene. Infinite scariche elettriche si dipanavano da quel lieve contatto avvolgendo ogni cellula del suo corpo e ogni stilla della sua anima.
“Voglio che sappiano che mi appartieni, così come io ti appartengo.”
L’orgasmo l’aveva colta alla sprovvista. A quelle parole era esploso senza preavviso e l’aveva annullata.
Stretta tra le sue braccia aveva pianto.
Un sorriso le increspa le labbrae lo sguardo scivola su una vetrina di articoli per la casa. Accappatoi, teli, lenzuola, cuscini…
Quasi senza riflettere si lisciò il vestito con un gesto della mano. Era un vestitino lungo fino a metà coscia che si allacciava davanti con una fila di bottoni di colori e di forme tutti diversi. La parte inferiore, fino alla vita, era di jeans chiaro mentre, la parte sopra e le maniche, a tre quarti, era di cotone, nero. L’aveva comprato un giorno, per caso, mentre era a passeggio con sua madre e questa era la prima volta che lo indossava. Aveva avuto il pensiero di indossare le autoreggenti, ben sapendo che lui le avrebbe apprezzate, ma alla fine aveva convenuto che avrebbero stonato. Aveva le gambe nude, ai piedi scarpe leggere di tela.
“Voglio che indossi la gonna.”
Gliel’aveva detto quando si erano accordati per il loro primo incontro, ricordava ancora quel momento ed era certa non avrebbe mai dimenticato.
Lei si era messa a ridere, lui no, lui era serio.
“Ti vedrò prima che tu riesca a vedere me. Se non l’avrai, non mi vedrai.”
Era convinta scherzasse, non credeva che non si sarebbe presentato davvero per una sciocchezza simile, ma non se l’era mai sentita di metterlo alla prova. Così era sempre stata al gioco. In fondo… lo trovava divertente. Un piccolo dettaglio che faceva parte del rituale magico per uscire dalla vita quotidiana e le apriva le porte per quella breve parantesi di paradiso.
E poi… pensava di avere delle belle gambe, le piaceva portare la gonna!
A dire il vero proprio quella sera era stata tentata di sfidarlo, di indossare i pantaloni e vedere cosa sarebbe successo. E poi? Se lui fosse rimasto fedele alla sua promessa e non si fosse presentato? Sentì una fitta al cuore, le mancò l’aria al solo pensiero di non sentire la sua voce, il suo profumo, le sue mani su di sé.
“Dovresti slacciare un bottone.”
La sua voce. Trasalì per la sorpresa. Persa nei suoi pensieri non si era accorta che lui era proprio accanto a lei.
Si scambiarono uno sguardo complice attraverso il riflesso nella vetrina. Lui era vestito comodo, jeans e maglietta, ben diverso dalle tante volte che l’aveva sempre visto in camicia.
“Come scusi?”
Gli rispose fingendo ingenuità. Fu bello vedere quel suo mezzo sorriso, indice che aveva ben capito la malizia di quelle parole.
“Ho detto che dovrebbe slacciare almeno un bottone di quel vestito leggero che indossa.”
“Oh.”
Enrico si avvicinò, le posò delicatamente una mano sulle reni, pur rimanendo impassibile. Un gesto che, pur se in apparenza innocuo, ebbe il poter di scatenarle una scarica che le attraversò tutto il corpo fino ai capezzoli e al sesso. Come faceva quell’uomo ad annebbiarle in quel modo la ragione?
“Deve credermi signorina. Così allacciata pare più una suora che una signora…”
L’uomo si fermò all’ultimo istante, come se troppo tardi si fosse reso conto di essere in procinto di dire qualcosa di inappropriato. Elisa, però, non aveva alcuna intenzione di soprassedere. Aveva paura ma era al tempo stesso incuriosita da ciò che stava per essere detto. Si mosse di mezzo stringendosi a lui e lo guardò attraverso il riflesso della vetrina.
“Una signora…?”
“È una signora di bella presenza. Se mostrasse qualche centimetro in più della sua pelle sarebbe una delizia per gli occhi per chi la osserva e nulla di grave per la sua immagine.”
Un leggero rossore si diffuse sulle gote dalla ragazza che, per un attimo, preda dell’imbarazzo, abbassò lo sguardo.
“Lei crede?”
Era bello che lui avesse colto la sua provocazione e avesse continuato quel buffo gioco di darsi del lei, quasi fossero stati due sconosciuti.
“Ne sono certo.”
Alzò il mento e lo guardò negli occhi, negli occhi del riflesso, accennando un sorriso malizioso e furbo.
“Non sono sicura che mio marito apprezzerebbe.”
Era un colpo basso, lo sapeva bene. Sapeva che il suo amante non amava che si parlasse del marito. Lui stesso aveva confessato quanto gli desse fastidio, ma quella sera lei aveva voglia di giocare. Aveva voglia di provocarlo… e di sfidarlo. Almeno un poco. Per una sera voleva provare il brivido, quel sottile brivido, di non essergli del tutto asservita come era sempre stata nel loro rapporto. Voleva vedere in lui quello sguardo così affascinante e irresistibile che emergeva quando veniva messo in discussione.
Lui non parve scomporsi affatto e di certo avrebbe ingannato tante persone, ma non lei. Percepì quel suo silenzioso irrigidirsi, quella scarica che attraversò l’aria e le fece provare quel brivido che, con suo marito, aveva perduto. Forse persino dimenticato.
Il suo amante le spostò una lunga ciocca scoprendole l’orecchio e vi avvicinò le labbra prima di parlare, tanto che la loro pelle si sfiorò. Quella voce, tenuta così bassa, profonda e sensuale le risvegliò un brivido che le scese dritto fino al sesso e poi più giù, fino alle ginocchia.
“Se lei è qui, signorina, ho il sospetto che non è l’approvazione di suo marito quello che cerca.”
A quelle parole Elisa si sentì avvampare e, per nascondere l’imbarazzo, piegò il capo. Lei lo aveva sfidato, ma lui non si era lasciato intimidire, rispondendo con una stoccata che l’aveva messa in difficoltà. Aveva vinto lui. Ora avrebbe voluto che la girasse, la guardasse dritto negli occhi e la baciasse. E se qualcuno li avesse visti… pazienza. Avrebbe affrontato le conseguenze, ma ora sentiva il bruciante desiderio di saperlo suo e di appagarsi nella sua anima e nella sua carne. Invece lo vide restare immobile, osservarla attraverso il riflesso nella vetrina.
“Allora? Questo bottone?” riprese lui.
Elisa sorrise, sicura e soddisfatta, alzando lo sguardo.
“Sai… dal momento in cui ho indossato questo vestito sono stata certa che me l’avresti chiesto.”
Enrico fece una smorfia. La smorfia di quando non apprezzava essere prevedibile. Fece un passo avanti. Erano così vicini che si nutrì del profumo della sua amante.
“Dunque perché l’hai allacciato?”
Elisa non poteva più aspettare. Aveva bisogno di guardarlo in faccia. Girò su se stessa e lo guardò dritto negli occhi. Non aveva mai incontrato nessuno capace di farle vibrare l’anima con un semplice sguardo.
“Perché… volevo sentirlo dire da te.”
E chiuse gli occhi, abbandonandosi a quel calore che la circondava ogni volta che lui le era vicino.
Era questa che aveva fatto perdere la testa l’uno per l’altra: la complicità.
Tra loro non c’era bisogno di parole, sapevano come catturare l’attenzione reciproca senza parlarsi. Sapevano come imbrigliare l’animo dell’altro con un gesto, uno sgaurdo. Sapevano cancellare il resto del mondo con una sola frase.
Ed era stato così fin dal primo istante.
Le loro vite non erano più state le stesse.
L’aveva sentito alzare le mani all’altezza del suo petto e slacciare delicatamente il bottone. Si sentì avvampare. Quell’uomo era così diverso da suo marito. Quell’uomo non chiedeva, prendeva quello che voleva. E lei era ben felice di lasciarsi andare, di concedersi a un uomo che era davvero tale. Era grata a Dio, al mondo, a chiunque, di averlo incontrato.
Enrico le prese il mento con due dita e, con la grazia di chi teme di rompere qualcosa di delicato, le fece alzare il viso. Era bella, incantevole, tanto da fargli dimenticare di respirare. Si piegò su di lei e la baciò.
Con trasporto.
Con passione.
Con amore.

18020cookie-checkAmore clandestino -3-

Nella stessa categoria:

avatar
1 Commenti
1 Risposte
2 Followers
 
Commenti con più reazioni
Commenti più gettonati
2 Numero di commentatori
Mr.Goodbyeinception Commentatori recenti
  Segui questa discussione  
più recenti più vecchi più votati
Inviami una notifica quando
inception
Moderatore
inception

Mi hai fatto sentire spettatrice di un film… meraviglia questo capitolo.