Menu Chiudi

24 Ottobre 1944, Mar della Cina Meridionale

Ogni tanto mi capita di scrivere qualcosa che mi disturba…lascio a voi il giudizio

24 ottobre 1944, Mar della Cina Meridionale, il rombo sommesso e assordante dei motori Wrigth R-3350 raffreddati ad aria da 18 cilindri, fa da concerto agli spifferi di aria gelida che filtrano dai troppi buchi e squarci nella carlinga del B-29, Sam guarda l’indicatore del carburante, picchetta ancora una volta sulla bussola giroscopica che ha smesso di dare segni di vita su Mindoro. L’indicatore d’assetto funziona, sebbene sia del tutto inutile vista la quota a cui stanno volando, di notte, con la luna piena, sebbene con un cielo velato senza stelle da guardare, sulla superficie calma del mare nero che sciaborda alcune centinaia di metri sotto di loro. E’ stanco, dannatamente stanco, darebbe non so cosa per poter chiudere gli occhi per qualche minuto, ma non può, il suo co-pilota, il capitano J.R.Stiwell III° ultimo rampollo di una dinastia di avvocati sfornati da Yale, è ancora al suo posto, inflessibile e rigido al regolamento fin nel rigor mortis, attento a farsi perforare il lobo frontale destro, quello che lui dalla sua posizione non può vedere, da uno spezzone della fusoliera. Stavano volando alla cieca, non era neppure sicuro della direzione che aveva preso, merda, quelle poche latte di carburante imbarcate in più non avrebbero fatto molta differenza, se non avessero trovato la terraferma, ed anche in quel caso, scegliere tra un campo di prigionia giapponese e fare da merenda agli squali non erano certo le migliori delle opzioni.
Un paio di raffiche ben assestate, una macedonia di piombo da 7 e da 20mm di qualche “zek” li aveva investiti in pieno mentre tornavano da Manila più leggeri di 2000 libbre di bombe, sballottati dalle esplosioni della contraerea giapponese e dallo spostamento d’aria delle esplosioni degli altri bombardieri che li avevano preceduti. Svuotata la pancia del bestione avevano virato, per tornare a Chongqing, ma essendo ultimi del loro stormo, erano iniziati i guai. Un gruppo di Mitsubishi AM6, gli “Zero”, arrivati in ritardo alla festa avevano deciso di voler la loro parte di avanzi della battaglia, per la gloria dell’impero ecc. I fottuti nippo avevano abbattuto l’ultimo dei bombardieri in coda e loro sarebbero stati i prossimi ad essere passati al tritacarne, e così andò. Solo l’intervento di una squadriglia di Corsair arrivata dal nulla li aveva tolti dalle pesti, ma il danno era fatto, il secondo motore di destra aveva preso fuoco, ed era stato costretto a togliergli l’alimentazione del carburante, questo dopo aver chiesto ripetutamente a Stiwell di occuparsene. Il Co-pilota però già volava nei campi elisi come più della metà dell’equipaggio. Il sergente Burn era rimasto imprigionato nella sua torretta ventrale, rimanevano solo i mitraglieri Simmons e Burges, e il motorista Manetti, mentre l’operatore radio Perry stava rendendo l’anima a Dio dissanguandosi vicino alla radio sfondata da un proiettile. Con un motore in meno l’unica cosa sensata era alleggerirsi di qualsiasi cosa fosse possibile, Simmons e Burn stavano buttando i cadaveri dei compagni fuori dal portello di destra, tra poco lo avrebbero privato anche dell’inutile compagnia di Stiwell… Quell’inflessibile stronzo tutto regolamento e scopa in culo, gli aveva promesso di denunciarlo al loro ritorno a Chongqing, solo per qualche puttana cinese. Sorrise pensando a Madame Gao, la tenutaria del bordello poco fuori il villaggio, una mezzosangue franco-cinese o cino-vietnamita, quella sensuale avida puttana.
Lei gli vendeva le ragazze, di solito figlie di contadini, vendute a loro volta, per l’equivalente in valore in riso necessario per la sussistenza di una famiglia di medie dimensioni per un mese. Le ripuliva, qualche frustata per far capire subito quanto fossero fortunate ad avere un tetto sulla testa, del riso nella ciotola e tutto solo per fare quello per cui le donne sono nate: scopare. Quella stronza era capace di venderle per vergini anche una dozzina di volte, usava il trucco di una vescica di pollo piena di sangue che si rompeva, così poteva chiedere un sovrapprezzo, le ragazze non avevano neppure bisogno di fingere il dolore della deflorazione, gli animali che le prendevano non erano certo ispirati da sentimenti romantici. Poi, c’erano i clienti speciali, quelli come lui, che le compravano per uso esclusivo, niente di sentimentale beninteso, è che il suo piacere era qualcosa di esclusivo finale ed intimo. Gli piacevano timide, non necessariamente vergini, ma sufficientemente impedite da poter essere considerate inesperte, l’età non era importante. Madame Gao le portava da lui in camera, prendeva la busta con i soldi, buoni dollari americani, non quella merda del governatorato provvisorio, ed usciva di scena. Lui le tranquillizzava, le calmava, le spogliava, cercava di essere gentile prima di prenderle. Una volta dentro voleva vederle godere, prima di abbracciarle, e poi carezzandole sotto le spinte sempre più furiose, ne percorreva con le dita i contorni del collo, quando anche le più recalcitranti cominciavano a gemere di piacere cominciava stringere. Adorava sentire le loro gambe serrarsi, dimenarsi, le inconsulte strette dei loro muscoli pelvici. Trovava sorprendente la diversità delle reazioni, c’era quella che si bagnava oscenamente, quella che cercava di godere in silenzio, raramente c’era qualcuna che si lasciava andare del tutto…ma tutte…si tutte alla fine avevano la stessa reazione. Quando l’aria interrompeva il suo flusso ai polmoni provavano a reagire, qualcuna di quelle cerbiatte era anche riuscito a graffiarlo, mai in viso, non lo avrebbe permesso, ma su un avambraccio e sul petto si. Tutto inutile, alla fine le loro reazioni si affievolivano di solito poco prima del suo orgasmo. Chongqing era spesso oggetto di attacchi da parte dei nippo, un cadavere in più o in meno in mezzo alle fosse comuni non faceva molta differenza. O così pensava, peccato che quel scopa-in-culo di Stiwell avesse visto il cadavere di una troia che si era fatto, uscire dalla sua camera e aveva minacciato di denunciarlo alla Corte Marziale, lo stronzo lo avrebbe denunciato al ritorno dalla missione, glielo aveva promesso. Il problema si era risolto da solo sopra Manila.
Pensava ad altro però, all’unica che lui avrebbe voluto davvero per le mani, l’unica che non avrebbe potuta avere mai…Madame Gao. Certo non avrebbe potuto comprarla, ma l’avrebbe avuta prima di abbandonare quel buco fetido di Chongqing… a riuscire a tornarci. I lineamenti cinesi erano stati in qualche modo abbelliti dalla mescolanza delle razze con i tratti decisamente più europei sugli zigomi, e il suo savoirfaire tipicamente francese si era mescolato perfettamente con la sua avidità cinese di basso rango. Aveva un collo stupendo e lungo, fatto di pelle serica e flessuoso come quello di una tortora, messo in risalto dal Qipao, da stringere e spezzare mentre l’orgasmo riversa la sua lava liquida dentro quella fica vezzosa. Pur nel freddo della cabina di pilotaggio, sentì l’erezione montargli su sotto gli spessi pantaloni di montone; come avrebbe voluto guardare quegli avidi occhietti dilatarsi di sorpresa mentre interrompeva l’aria giù per la carotide, vederla annaspare, gorgogliare mentre la sua presa si faceva d’acciaio, come l’erezione che l’avrebbe scavata dentro. I suoi pensieri furono scossi da un sordo brontolio, il primo motore di sinistra aveva cominciato a tossire, l’elica andò in bandiera dopo alcuni secondi… L’indicatore del carburante batteva laconicamente la prossimità il suo finecorsa, chiuse gli occhi e pensò al collo di Madame Gao.

16630cookie-check24 Ottobre 1944, Mar della Cina Meridionale

Nella stessa categoria:

avatar
1 Commenti
3 Risposte
2 Followers
 
Commenti con più reazioni
Commenti più gettonati
2 Numero di commentatori
scopertaeros69inception Commentatori recenti
  Segui questa discussione  
più recenti più vecchi più votati
Inviami una notifica quando
inception
Moderatore
inception

I racconti, come i film disturbanti, sono quelli che mi intrigano maggiormente.
Mi piace l’animo umano, fatto di sfumature, di miseria, di riprovevole immoralità, di deviazioni e perversioni…
Un racconto meraviglioso…